Zinella Scherma e l’Assalto al cuore

Presentazione dell’evento ASSALTO AL CUORE

 

Emanuele Lambertini, AIFI e Zinella scherma San Lazzaro di Savena ASD credono nella scherma come opportunità di integrazione per persone con disabilità motoria, sensoriale (visiva) e cognitiva (autismo e sindrome di down). Lo dimostrano i tanti atleti che in Zinella scherma, in Italia e nel resto del mondo praticano questo sport allenandosi tanto e con i coetanei normodotati, ci si allena insieme, seduti, perché per un atleta normodotato sedersi richiede uno sforzo di adattamento e di maggiore impegno della manualità, è allenante, anzi è super allenante. In sala scherma si condivide tutto: preparazione atletica, esercitazioni specifiche per la scherma e lezione con il Maestro. Le modalità si differenziano ma i contenuti sono gli stessi: forza esplosiva e resistenza alla forza, manualità, esercitazioni di movimento in pedana, tecnica e tattica… tante emozioni, tanto aiuto psicologico e tanta FISIOTERAPIA per essere al meglio, per adeguarsi allo sforzo.

I campioni come Emanuele Lambertini, si sono avvicinati per caso, magari da bimbi, da ragazzi o da adulti, si sono innamorati della scherma, la scherma ha cambiato la loro vita in meglio, hanno buttato il passato alle spalle e hanno veleggiato decisi verso nuovi orizzonti, hanno fatto delle scelte, si allenano tanto ma è anche tanto ciò che ricevono. ASSALTO AL CUORE può essere un’occasione da non lasciarsi sfuggire.

E’ nell’intento di divulgare questo messaggio che invitiamo fisioterapisti e persone con disabilità da tutta Italia a venire a toccare con mano, provare ciò che proviamo noi quotidianamente, perché se ASSALTO AL CUORE gli piacerà potranno raccontarlo ai loro pazienti, accompagnarli nella sala scherma adattata più vicina a casa o andare nella sala scherma adattata più vicina a casa e intraprendere lo stesso percorso.

Perché AIFI e Zinella scherma insieme a San Lazzaro di Savena? Perché nel 2002 organizzarono insieme il primo evento di scherma in carrozzina in Emilia Romagna, al Montecatone Rehabilitation Institute. Perché Zinella scherma è stata tra le prime sale ad aver abbattuto le barriere ed aver creato una realtà ideata appositamente per tutti.  Perché è una delle sale con maggior numero di atleti paralimpici e olimpici. Perché in Zinella scherma la maestra responsabile tecnica è una fisioterapista. Perché Zinella scherma insegue questo obiettivo da 20 anni e crede che si possa trasportare in altre realtà.

Questa è un’occasione per la fisioterapia e la scherma di incontrarsi per fare grandi cose insieme!

 

Zinella Scherma